Il rimuginio


Il tentativo di trovare soluzioni a problemi può portare l'individuo ad attivare modalità di pensiero continue e ripetitive.

E' opinione comune pensare che riflettere a fondo su un problema ci porta a trovare il modo di risolverlo, in parte è vero, ma può succedere che questo nostro modo di gestirlo diventi troppo invasivo e invalidante, aumentando la nostra ansia invece che ridurla.

Il pensiero ricorrente non ci aiuta più a trovare soluzioni utili ma diventa un elemento che aumenta il nostro stato di preoccupazione.

La situazione peggiora quando, nell'incapacità di trovare soluzione al problema, sentiamo che i nostri pensieri diventano incontrollabili e si verifica uno stato di ansia. Ed è qui che pensare al problema non è più il modo migliore di risolverlo, ma la cosa ci fa stare ancora peggio. In questo caso si può parlare di rimuginio e della sua inefficacia.

Il rimuginio è spesso alla base dei disturbi d'ansia e può essere molto comune nella depressione.

Trovare modalità per sentirsi padroni dei propri pensieri è il primo passo per affrontare i problemi. L'obiettivo è quello di non contrastarli o controllarli ma di imparare a gestirli.

47 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti