Perchè parlare ad uno psicologo non è come parlare ad un amico?

Aggiornamento: 31 ago 2020



Avere amici con cui parlare e confidarsi, in alcune situazioni, può aiutare a stare meglio. Infatti possedere una buona rete sociale e famigliare è fondamentale per superare le difficoltà e favorire il benessere psichico. Però questo elemento non sempre è sufficiente, non per tutti e non in tutte le situazioni.

Per tali motivi, spesso si sceglie di iniziare un percorso psicologico che significa darsi tempo e spazio per comprendersi, imparare a osservare se stessi e la propria vita con sguardo di accettazione. In questo processo, psicologo e paziente sono due persone che lavorano per esplorare alternative, aprire nuove possibilità di salute e favorire l'attivazione di un'esplorazione. Lo psicologo mette in atto le proprie competenze professionali e il paziente le proprie risorse personali e conoscenze relative alla sua storia.

L'ascolto dello psicologo è attivo ed è libero da ogni pregiudizio, è attraverso la narrazione delle esperienze di vita del paziente che riesce a comprendere il livello di elaborazione e crescita personale, condividendo con la persona gli obiettivi.


53 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti